Skip to content

BOCL N.1 (UNO PSICHIATRA ALLA MIA TAVOLA)

3 maggio 2012

(Guido Gozzano)

1.      “UNO PSICHIATRA ALLA MIA TAVOLA”

This entry was posted on 15 maggio 2007 at 07:05 

———————————————————————————— 

Nemmeno due mesi fa Nedo Vannini entrò nei commenti al mio blog quasi in punta di piedi:

“… ma se io capito qui per caso e non so neanche di che parlate posso intervenire?

Risposi:

“Ma prego: hai degli aspirapolvere da promozionare? Sei della Folletto?” 

Nedo

“Veramente faccio lo psichiatra, ma mi occupo anche di trattori d’epoca. Ho una baracca (non proprio un garage) dietro l’ambulatorio. Lì faccio esperimenti con un Landini del 1923.” 

Lucio Angelini:

“Ti occupi di trattori d’epoca? Divertente. Me ne presti uno per andare su e giù per Venezia?” 

Nedo

“In realtà mi occupo principalmente di psichiatria. Voglio dire che ho un ambulatorio ben avviato con quei 4 o 5 pazienti che mi danno da vivere (come si sa le cure sono all’incirca eterne). Dietro l’ambulatorio ho una baracca (tra l’altro con un tetto di eternit) che mi serve come sala d’attesa e come laboratorio per gli esperimenti trattoristici. Una parte di questa baracca (che è 300 mq) è adibita a museo. Più che altro colleziono Landini, ma anche Same, Fiat, Hurliman, Agrifull, Massey Ferguson. Diciamo che in sé il trattore non mi interessa nemmeno tanto. È il motore diesel applicato al lavoro di sterramento che mi affascina. Si tratta per così dire di uno scavo psichiatrico motorizzato. Credo sia una mia scoperta. In ogni caso dà buoni frutti, e i miei pazienti sono soddisfattissimi. Dottor Nedo Vannini”

Lucio Angelini

“Sempre più interessante. In che zona abiti? Se vengo a trovarti magari improvvisamente salta fuori una motosega? (Cfr. il tranquillo psichiatra della porta accanto). E a proposito, trovi adatto il mio racconto “Pavor nocturnus” per il Family Day?:- )”

Nedo:

“Ogni compressa di Tavor Nocturnus da 1,0 mg contiene :
Lorazepam mg 1,0. Eccipienti : lattosio; cellulosa microcristallina; polacrilin potassio; magnesio stearato; idrossipropil metilcellulosa E15; polietilen glicole 6000; titanio biossido; talco. Il racconto omonimo (anamnesico-reminiscenziale) è molto ipnotico (come tutte le cose ciclicamente perfette cioè pasticchiformi). È ovvio che certe pasticche sono semplici imitazioni delle ruote di un Landini in miniatura. E in effetti, appena ingollata la ruota di un trattore, non riconosco nemmeno i miei 4-5 pazienti. Addirittura l’incertezza sul numero (cioè se sono 4 o 5) diventa lacerante proprio come una motosega.”

Lucio Angelini:

“Sicuro, almeno, di non essere tu uno dei 4-5?:-) ”

Tale Don Lurio

“ho avuto la sfortuna di “frequentare” il dott. (?) Vannini per qualche mese, e mi sento in dovere di fare qualche precisazione:

1- lo studio non è in campagna come parrebbe: trattasi di uno squallido monolocale senza bagno in cui il dott. vegeta, ricavato dal sottopassaggio della stazione vecchia delle corriere di Viareggio. appena condonato, il Van. si è allargato un paio d’anni fa con una baracca abusiva in cui riceve i pochi clienti. la baracca insomma è il vero e proprio (?) studio.

2- ai tempi, l’innovazione di cui si vantava era aver sostituito il classico lettino con una sedia a sdraio (traballante). quando poi gli prese la mania dei trattori, forzò i pazienti a trasferirsi sul Landini.

3- lì io interruppi il trattamento.

4- che io sappia, di pazienti ne ha ancora solo due, miss Sacher e mr. Baghetta. E’ tutto. Don Lurio”

Lucio Angelini:

“Sempre più intrigante. Quasi quasi gli dedico un post… ”

Nedo

“Lo sapevo che Lurio mi avrebbe seguito anche qui. È un omuncolo volgare e intrigante ma balla bene. Lo sa Dio come fa! È questo piroettare incontrollato e quasi autistico che lo fa rotolare dove ci sono io. Lui viene qui, mi guarda con due occhietti da tartufo bigio e comincia a dileggiarmi mentalmente. Sì, non dice un sola parola, ma lo sento che misura lo studio non in metri ma in “piedi danesi”. Naturalmente i conti non gli tornano mai (perché lui il danese non lo conosce affatto) e allora gli viene in mente (magari in buona fede) che il mio studio è un bugigattolo e che io sono un mentecatto. E più che altro che i miei 4 – 5 pazienti si restringono in proporzione. Gli viene in mente che il piatto forte del mio pazientado è la Pasticciera Sacher (una donnona oligofrenica che ha ammazzato il marito soffocandolo nel sonno con una siringa per la panna). Gli viene in mente che tra i miei pazienti non c’è la Contessina Bianca da Brodo (che invece c’è dal momento che è un’oca assolutamente ubiqua). L’unica cosa vera è che Lurio è stato per 17 anni mio paziente. Un paziente naturalmente senza speranza. Anzi, nell’ultimo lustro di trattamento la sua bassezza morale aveva raggiunto una profondità così abissale che simulava la vertigine dell’altezza. In effetti ballava sul filo del bucato mostrando il sedere alla Contessina da Brodo che un giorno sì e uno no mi sveniva tra le braccia. Che fare se non praticargli un interruzione coatta del trattamento???

Nedo Vannini di nuovo:

Noto con grande dolore che manca una a: “un(a) sola parola”.E  manca l’apostrofo: “un(‘) interruzione”. La presenza di refusi nei miei discorsi mi rende folle di rabbia. E allora comincio a gridare e a rotolarmi a rotolarmi e a gridare… La colpa comunque è di Lurio che mi esaspera e mi fa sbagliare. Credo che berrò una tanica di gasolio e di me non sentirete più parlare.

Tale Baghetta:

“il mio incontro col Vannini risale a 17 anni fa: ero in vacanza con la famiglia ai Bagni Angela di Viareggio, e il Vannini prometteva terapie brevi convenzionate coi Bagni stessi. Mi pareva un’idea valida, anche perché veniva lui all’ombrellone (non c’erano ancora i marocchini). La cosa si è rivelata prima un pacco, e poi una palla al piede da cui non riuscivo più a. risultato: da 15 anni a questa parte ho rinunciato alle vacanze in Versilia.” 

Tale Ocadabrodo:

“Il dottor Vannini mi ha detto che era capitato qui per serendipità, e che qui aveva trovato, sempre per serendipità, una ragazza dal profilo un po’ etrusco che si chiama Lioa. Naturalmente sono stata un po’ gelosa. Anche perché, per serendipità, tanti anni fa aveva trovato me… Non che il Vannini sia proprio uno zoofilo, ma insomma… corteggiare mi corteggiava. E un po’ allungava le mani…”

Lucio Angelini:

“Tranquilla, Ocadabrodo. La ‘ragazza dal profilo un po’ etrusco’ è in realtà il Principe dei Gigli del palazzo di Cnosso, che il signorino Lioa ha scelto come avatar.”.

Nedo:

“Ecco, io salto come una cavalletta da un post(o) all’altro, cercando di capire che cos’è un blog(olo). Ero venuto qui – lo confesso – con animo messianico. Mi pareva di essere atteso… e che insomma… la Trattorizia avesse in sé qualcosa di sublime, o almeno di liturgico. Non che mi senta male accolto (o deriso), questo no, però non mi sento affatto compreso. Forse è meglio che ritorni tra i miei 4 – 5 pazienti che mi amano molto e per farmi piacere mi spolverano anche i trattori con un bellissimo pennacchio di struzzo.”

Lucio Angelini

“Ti sbagli. Ho apprezzato subito il tuo umorismo. Se fossi Tony Dallara ti direi:

‘Non partir, non partir,
tu sei chiuso nel mio cuor, lo sento,
questo amore è tutto il mio tormento.
Non partir, non partir.

Forse tu, forse tu
vai lontano per cercar l’oblio,
vuoi lasciarmi senza dirmi addio,
forse tu… “
(Eccetera)

(N.B. E’ una canzone d’epoca come i tuoi trattori)”

Nedo:

“Umorismo? Uno entra qui prima per caso, poi per disperazione. Voi non potete capire che significa essere incerti sul numero (perfino limitato) dei pazienti. Poi non sapete che tormento avere la testa tutta piena di trattori, e trattori di un’altra epoca, e che parlano tutti insieme un altro linguaggio. Insomma, io andavo accolto, qui, come un tarlo celeste, come una ciste destinata a esplodere, ma solo per spalmare chiarezza sulle tenebre del Blogolo. Si perché ormai mi è chiaro che i blogoli sono luoghi tenebrosi, dove i commentatori sono quasi tutti defunti (o in limine). E io non saprei come vivere qui senza nessuno che guarda la mia collezione di trattori e dice “oh meraviglia!”.

Lucio Angelini:

“Nedo, è la prima volta che lo dico a un uomo: ti amo!”

Nedo:

“È primavera Lioa, pensa come sarebbe bello andar per albicocche susine e ciliegie. Purtroppo capisci bene che il mio cervello è tutto un rumore di iniettori e di cingoli. E non solo. Enormi pagine di manualistica mi stormiscono nell’encefalo. Basta che dica “albicocca” e mi si apre una finestra sul lobo temporale:

‘I trattori da frutteto e vigneto devono avere dei buoni sistemi idraulici in quanto molte delle attrezzature che utilizzano, richiedono l’uso di uno o più distributori idraulici, per l’innesto o il disinnesto di determinati comandi. E’ il caso dei muletti applicati ai trattori, oppure delle falciatrici, o delle botti azionate idraulicamente, e via dicendo. Si capisce quindi come il sistema idraulico di questi trattori sia un elemento molto importante nella valutazione del trattore.’.

Insomma, parlare d’amore con me è come parlare di benzina verde con un trattore. Gasolio, solo gasolio.”

Lucio Angelini:

“OK. Mi arrendo, prostrato dalle fatiche del corteggiamento.”

Utente anonimo:

“Favola oscura, nespola dura,
la paglia e il tempo te le matura.”

Nedo:

“Incantevole Lioa,
permettetemi intanto di darvi del Voi perché io sono un uomo all’antica. Questa è, credo, l’ultima lettera che vi scrivo (dunque il Voi sottolinea il distacco). Vedete bene che i miei nemici mi hanno raggiunto. Non permettono che trovi un angolino nel quale rasserenarmi. Credo lo facciano per demenza, piuttosto che per invidia. Lurio, se non fosse così malato, sarebbe perfino un piacevole compagno di giochi. Anche lui – ne sono certo – ama i trattori. D’altra parte, signorina Lioa, come potemmo non amare delle creature così infantili, così legate alla crostosa fragilità della terra? Il Landini del 1925, ad esempio, si può dire che è nato in una stalla ed è stato allevato con i vitelli. Insomma, incantevole Lioa, vedete bene che questa mia passione non è insana. Sarà un delirio agreste (come diceva il meccanico Scardanelli). Mah. Non so che dirvi, anche perché l’amore mi ha confuso l’Es, e mi sento, al vostro misterico cospetto, quasi incapace di intendere e di volere. In effetti non voglio nulla. Nemmeno restare in questo Blogolo nel quale, me ne rendo conto, sono un perfetto estraneo, anzi: un Estraneo Imperfetto, dato che qui (anche qui!) mi hanno seguito i miei nemici, e qui, la loro delazione in un certo qual modo mi delimita. Sì, signorina Lioa, voi pensate che Nedo sia uno spazio chiuso tra le brutali rivelazioni di Lurio (che si finge il Baghetta) e le complesse pannosità della Sachertortessa. Ci sono addirittura dei pazzi (probabilmente amici dei miei sparuti pazienti) che mi danno del “lupo solitario”!!! Io che temo perfino i barboncini e che cambio immediatamente marciapiede se intravedo un carlino!!!
Ma ho divagato, Lioa, volevo solo dirvi che il vostro possibile amore mi scalderebbe come una candeletta di preaccensione. E forse, con voi al mio fianco, io potrei aprire qui una modesta (ma dignitosa) succursale del mio ambulatorio. Potrei perfino estendere il mio pazientado. E insomma: nuovi clienti, aria fresca. Sì, la lugubre psicosi di Lurio non dà respiro. A volte me ne sento perfino contagiato; e il mio meccanico Scardanelli mi guarda fisso con due occhietti che sembrano due rivetti zincati e mi dice: “Sei pazzo, Nedo.”. Io non so che rispondergli, ma davvero mi sento le ruote artigliate al posto dei piedi, e sono così rigido che avrei voglia di ungermi le giunture con un delicatissimo grasso di litio (che tra l’altro è un’assurdità per un tetragono trattore). Purtroppo continuo a divagare. E questo mi fa capire che il nostro amore è impossibile. Anzi, che tutti gli amori sono impossibili per uno psichiatra di provincia. Allora è bene che sparisca. Certo non so come fare. Ieri ho bevuto una tanica di gasolio (10 litri) e dopo stavo meglio di prima. Potrei stendermi dietro il Landini e dare la soddisfazione a Lurio di ingranare la retromarcia. Ma questo mi pare un po’ immorale. E, come mi fa notare Scardanelli:

Non si abbandonano i pazienti
alla furia perversa dei loro torbidi destini
Né si abbandonano i Landini
alla perfida leggerezza
dei nani ballerini.

Lucio Angelini:

“Nedo, tesoro, preparati a un duro colpo: non sono una signorina, ma un signorino, per giunta over50. A volte mi firmo Peter Lioa, è vero, ma just for a change. Il mio nome e cognome sono esattamente quelli che precedono l’ indirizzo con splinder.com. Adesso potrai ben dire, con Gozzano: “Non amo che le rose che non colsi“. Un bacio.”

Nedo:

“Incantevole Lioa,
smettete vi prego di fingervi un maschio, e soprattutto non citate mai più
Guidino. Voi naturalmente non lo sapete, ma ci sono nomi che io non posso udire senza un attacco di bile. È una cosa familiare. Il mio bisnonno Efisio tutte le volte che in casa nominavano Domenico Modugno correva a stendersi sui binari del treno (naturalmente mio nonno Gigino ce lo levava).”

Lucio Angelini:

“Nedo, creatura, il ricordo dei vostri nonno & bisnonno ha risvegliato in me quello di due tenerissime figure: nonna Speranza e l’amica Carlotta, ritratte nei celebri versi di Guidino:

“Le amiche – bambini, fate pian piano! –
le amiche provano al piano un fascio di musiche antiche:

motivi un poco artefatti nel secentismo fronzuto
di Arcangelo del Leuto e di Alessandro Scarlatti;

innamorati dispersi, gementi il “core” e “l’augello”,
languori del Giordanello in dolci bruttissimi versi:

…caro mio ben
credimi almen,
senza di te
languisce il cor!
il tuo fedel
sospira ognor
cessa crudel
tanto rigor!

Carlotta canta, Speranza suona. Dolce e fiorita
si schiude alla breve romanza di mille promesse la vita.”

mr. B

“Penso e ripenso: – che mai pensa l’oca
gracidante alla riva del canale?
Pare felice! Al vespero invernale
protende il collo, giubilando roca.
Salta starnazza si rituffa gioca:
né certo sogna d’essere mortale
né certo sogna il prossimo Natale
né l’armi corruscanti della cuoca.
– O papera, mia candida sorella,
tu insegni che la Morte non esiste:
solo si muore da che s’é pensato.
Ma tu non pensi. La tua sorte è bella!
Ché l’essere cucinato non è triste,
triste è il pensare d’esser cucinato.

(Guido Ocozzano)”

Annunci

From → Uncategorized

24 commenti
  1. Che tempi, che meraviglia…:-)

  2. diait permalink

    E c’è ancora chi, nella comunità psichiatrica, si ostina a definire il disturbo di personalità multipla “un artefatto diagnostico”!
    Fantastico tutto lo scambio. Tra tante bellurie umoristiche, e riferimenti e citazioni (non tutte còlte) – menzione speciale per “Nedo, creatura…” (lucio) e “rivetti zincati” (nedo).
    Rivetti zincati lo promuoverò a tappeto sulla piazza di Roma.

  3. I rivetti zincati sono stati un’invenzione enorme, se ci pensi: hanno rivoluzionato e velocizzato un sacco di processi meccanici di montaggio.

  4. diait permalink

    come le estrusioni per la Ducati? Una volta ho tradotto un documentario sulle moto Ducati, dove si parlava di queste “estrusioni”, un’altra parola molto sottovalutata.

  5. Ci si è sempre occupati delle “intrusioni”, studiando teorizzando e discettando come prevenirle e combatterle, mentre si sono perse di vista le estrusioni: ah, che miopia!

  6. diait permalink

    per esempio se si parla di intrusione nel privato, parlerei anche di estrusione nel pubblico. Eccetera. Adottate questo termine, non ve ne pentirete.

  7. Heya i’m for the first time here. I found this board and I find It truly useful & it helped me out a lot. I hope to give something back and help others like you aided me.

  8. That is a great tip particularly to those new to the
    blogosphere. Simple but very precise info… Thank you for sharing
    this one. A must read post!

  9. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems
    as though you relied on the video to make your point.

    You obviously know what youre talking about, why
    waste your intelligence on just posting videos to your site when you could
    be giving us something enlightening to read?

  10. Hi, I want to subscribe for this web site to obtain
    most up-to-date updates, so where can i do it please
    help.

  11. Hi just wanted to give you a brief heads up and let you know a few of the
    images aren’t loading correctly. I’m not sure why but I think its a linking issue.

    I’ve tried it in two different internet browsers and both show the same outcome.

  12. I believe everything composed was very logical. However, what about this?
    suppose you were to create a awesome headline? I am not suggesting your content isn’t solid, but suppose you added a post title to maybe grab folk’s attention?
    I mean BOCL N.1 (UNO PSICHIATRA ALLA MIA TAVOLA) | BEST OF CAZZEGGI LETTERARI is a little vanilla.

    You ought to glance at Yahoo’s home page and see how they write article titles to grab people interested. You might add a video or a related pic or two to grab readers interested about everything’ve written.
    In my opinion, it could make your website a little bit more interesting.

  13. Hello! I could have sworn I’ve visited this blog before but after going through many of the posts I realized it’s new to me.
    Anyways, I’m certainly delighted I came across it and I’ll
    be book-marking it and checking back often!

  14. Nice post. I learn something new and challenging on blogs I stumbleupon everyday.
    It’s always helpful to read through content from other writers and use something from other websites.

  15. I am in fact thankful to the holder of this web page who has shared this wonderful article at at
    this place.

  16. hi!,I like your writing so much! proportion we keep in touch extra about your post on AOL?
    I need a specialist on this area to resolve my problem.
    May be that is you! Having a look forward to look you.

  17. Admiring the time and energy you put into your site and detailed
    information you provide. It’s good to come across a blog every once in a while that isn’t the same unwanted rehashed
    information. Excellent read! I’ve saved your site and I’m including your RSS feeds to my Google account.

  18. What i don’t understood is in fact how you are not really a lot more well-favored than you may be now. You are so intelligent. You understand thus considerably in the case of this matter, produced me for my part believe it from numerous numerous angles. Its like women and men are not interested except it’s
    one thing to do with Lady gaga! Your individual stuffs great.
    Always take care of it up!

  19. Hi there, just became alert to your blog through Google, and
    found that it is truly informative. I am gonna watch out for brussels.
    I will appreciate if you continue this in future. Many people will be benefited from your writing.
    Cheers!

  20. Awesome! Its truly remarkable piece of writing, I have got much
    clear idea regarding from this paragraph.

  21. It’s very easy to find out any matter on net as compared to books, as I found this paragraph at this website.

  22. Wow! Finally I got a website from where I be capable of actually obtain useful information concerning
    my study and knowledge.

  23. We are a group of volunteers and opening a new scheme in our community.
    Your site offered us with valuable information to work on.
    You’ve done an impressive job and our entire community will be grateful to you.

Trackbacks & Pingbacks

  1. CERCO EDITORE IN LINEA CON LE MIE COLLANE (DI PERLE WEBBICHE) « BEST OF CAZZEGGI LETTERARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: