Skip to content

BOCL N.3 (POMPINI A CAPOTE)

5 maggio 2012

 

giovedì, giugno 09, 2005

Premetto che L’arpa d’erba di Truman Capote è da sempre il mio libro di culto. Lo considero un romanzo perfetto. Nell’originale, tuttavia, gli strampalati protagonisti si arrampicano e vanno ad abitare su un “China Tree”, ovvero su un esemplare di Melia Azebarach o Albero dei Rosari o dei Padrenostri o dei Paternostri. Il pur bravissimo traduttore Bruno Tasso, invece, li fa arrampicare su un “sicomoro”, l’albero dell’evangelico Zaccheo. Certo, in italiano “sicomoro” suona bene, ma perché fare di ogni albero un fascio? 

L’ARPA D’ERBA

Quando ho sentito parlare per la prima volta de “L’arpa d’erba“? Forse molto prima di quell’autunno in cui lessi “Il barone rampante” (ho sempre pensato che Calvino fece arrampicare sugli alberi ANCHE il suo personaggio Cosimo Piovasco di Rondò dopo aver  letto Truman Capote). So solo che a tutt’oggi, se dovessi essere costretto a scegliere un libro da portare con me in un’isola deserta, non prenderei la Bibbia, né “Quella bruttacattiva della mamma!“, né “Il Giovane Holden“, né “Grande Grosso e Giuggiolone“, né “Il Giovane Törless“… ma “L’Arpa d’erba“. Ne conosco a memoria l’incipit:

“Quando ho sentito parlare per la prima volta dell’arpa d’erba? Molto tempo prima di quell’autunno in cui andammo ad abitare sul sicomoro. In un autunno molto remoto, dunque; e certo fu Dolly a parlarmene, perché nessun altro avrebbe pensato a quel nome: L’arpa d’erba.”

 ———————————————————

venerdì, ottobre 07, 2005

 POMPINI A CAPOTE

 

(Il giovane Truman Capote) 

Già nel dicembre 2004 la stampa mondiale aveva dato notizia del ritrovamento di un romanzo inedito di Truman Capote:

“Il manoscritto del primo romanzo di Truman Capote, mai pubblicato (secondo il volere dello stesso scrittore) e ritrovato in una scatola di vecchi documenti, andrà all’asta venerdì da Sotheby’s a New York. Si tratta del manoscritto completo di “Summer Crossing“, un’opera che sembra essere “preparatoria” per la successiva “Colazione da Tiffany“, come ha dichiarato Julian Caldwell, vice-presidente per la sezione libri e manoscritti di Sotheby’s: circa 200 pagine con altre 89 tra correzioni e materiale supplementare, per un valore stimato di 60.000-80.000 dollari”. 

Di questi giorni la notizia della pubblicazione  “Il primo romanzo di Truman Capote, riscoperto l’anno scorso dopo che a lungo era stato considerato perduto, sarà pubblicato entro ottobre da Random House. L’interesse del pubblico sullo scrittore americano è catalizzato anche dall’uscita del film Capote diretto da Bennett Miller, la storia vera della nascita di A sangue freddo, che inaugurò un nuovo genere letterario: la “non-fiction novel”. Gina Centrello, editor della Random House, ha ricordato che il manoscritto di Summer Crossing, che l’autore iniziò nel 1943, è stato ritrovato tra i documenti conservati in un box e messi in vendita da Sotheby’s nel 2004 [cfr. Alice News 2-12-2004] da una parente della governante dello scrittore. Questo ritrovamento e la successiva vendita scatenò polemiche legate alla volontà di Capote di distruggere il manoscritto. In Italia sarà pubblicato da Garzanti.”  

Bighellonando su Google/Groups (it.cultura.libri), ho trovato questo scampolo di conversazione tra un certo Lucio Angelini e un sedicente “capote” che aveva appena chiesto a giuliomozzi:    

“scusa, perché a un certo punto dici: ‘la tipa ci guarda’? perché ‘ci’ e non
‘mi’? (Posted by capote at 25.02.04 16:17 )

 La tipa guarda nel cestino. Quindi “ci” guarda. ( Posted by giuliomozzi at 25.02.04 19:38 ) 

“Capote, come osi profanare il nome del mio scrittore di culto? Ma tu, almeno, ci sei stato a Westwood, Los Angeles? Lui è lì, vicinissimo alla tomba di Marilyn Monroe. (Posted by Lucio Angelini at 25.02.04 16:32) 

“io ero il suo marchettaro. gli facevo i po*pini a truman. come osi tu!” (Posted by capote at 25.02.04 16:56 ) 

 Blow jobs a Truman? Così «a sangue freddo» non direi proprio che le tue siano mai potute essere «preghiere esaudite» in tal senso. Al massimo ti avrà concesso di strimpellargli qualche nota all’«arpa d’erba». (Posted by Lucio Angelini at 25.02.04 17:26 ) 

ah, questa è musica per le mie orecchie. musica per camaleonti! (Posted by capote at 25.02.04 18:05 )

Io, invece, penso ad altre voci, altre stanze, e non mi curo se i cani abbaiano. Tu, però, vacci piano (Go lightly), sbruffoncello d’un Holly, se non vuoi che ti mandi a fare colazione, anziché da Tiffany, con giuliomozzi al caffè Pedrocchi.  (Posted by Lucio Angelini at 25.02.04 19:03)

oh, ma lo sai che lavoro faccio io? intaglio bare a mano! (Posted by capote at 25.02.04 19:06 )

 Ho capito subito che baravi:-/  (Posted by Lucio Angelini at 25.02.04 19:09)   

 

(Truman Capote meno giovane) 

——————————————————————-

20 giugno 2006

CAPOTE, “SUMMER CROSSING” (PRIMA PARTE)

Truman Capote nasce il 30 settembre 1924, a New Orleans, col nome di Truman Steckfus Persons. I suoi primi anni sono segnati da una vita famigliare disordinata: dapprima viene affidato alla famiglia della madre che vive a Monroeville, in Alabama; poi il padre finisce in prigione per frode; infine i suoi genitori divorziano e danno avvio a un’aspra battaglia legale per l’affidamento. Il ragazzo va a vivere a New York con la madre e il suo secondo marito, un uomo d’affari cubano del quale assume il nome. Nei primi anni Quaranta il giovane Capote lavora come apprendista presso il ‘New Yorker’, ma viene licenziato per avere involontariamente offeso il poeta Robert Frost. Poco più che ventenne pubblica alcuni racconti su ‘Harper’s Bazaar’, ma a imporlo come scrittore è il primo romanzo, Altre voci, altre stanze (1948): una storia gotica sull’ambiguità descritta da Capote come ‘un tentativo di esorcizzare i demoni’. Con il romanzo breve L’arpa d’erba (1951), dalla fantasia più rassicurante, rivivono gli anni dell’Alabama e si consolida la sua precocissima fama…”  (da “Truman Capote, una biografia“, nel paratesto del romanzo “Incontro d’estate“, Garzanti, maggio 2006). 

“Il manoscritto di Summer Crossing è costituito da quattro quaderni scritti a inchiostro, con numerosissime correzioni autografe di Capote. Al manoscritto vanno poi aggiunte 62 pagine di note. Manoscritto e note fanno parte dei Truman Capote Papers custoditi presso la Sezione manoscritti e archivi del reparto Discipline classiche e scienze sociali della Public Library di New York. La maggior parte dei documenti ivi conservati sono stati donati dalla Fondazione Capote alla Public Library nel 1985; la biblioteca stessa ha realizzato poi altre acquisizioni per integrare la collezione, comprando fra l’altro il manoscritto di Summer Crossing…” ( da “I Truman Capote Papers della Public Library di New York“, nel paratesto del romanzo Incontro d’estate)

“Un’altra, molto più difficile [decisione], mi si presentò tra la fine del 2004 e i primi mesi del 2005. Nell’autunno del 2004 ricevetti da Sotheby’s di New York una lettera con la quale mi si informava che un lotto di oggetti appartenuti a Capote, fra cui i manoscritti di alcune opere pubblicate, molte lettere, fotografie e quello che sembrava essere un romanzo inedito, era stato affidato alla celebre casa d’aste per la vendita. Nessuno di noi sospettava dell’esistenza di quei documenti. Sotheby’s affermava che una persona di cui non poteva fare il nome si era presentata da loro dicendo che un suo zio aveva lavorato come custode di un appartamento in cui Truman aveva abitato verso il 1950. L’anonimo sosteneva che a un certo punto Truman se n’era andato e poi aveva deciso di non tornare a prendere le sue cose, dando istruzioni al sovrintendente dell’edificio di mettere tutto fuori sul marciapiede per la nettezza urbana. Secondo questa storia, il custode dell’appartamento era venuto a saperlo e, pensando che fosse un peccato mandare al macero quel prezioso materiale, aveva deciso di tenerlo per sé. Poi, quasi cinquant’anni dopo, quel signore era morto, e il parente entrato in possesso del materiale aveva deciso di metterlo in vendita. Capii subito che Sotheby’s avrebbe voluto che io, in quanto fiduciario della Truman Capote Literary Trust, non solo autenticassi il materiale ma dessi il beneplacito alla vendita. Mi mandarono un elenco completo dei documenti, alcuni con fotografia allegata: c’era anche la foto di qualche pagina di un testo inedito, scritto su un quaderno da scuola di quelli che usava Truman… [cut] Lessi il manoscritto con molta eccitazione e un po’ di paura. Ricordavo che probabilmente Truman non aveva intenzione di pubblicarlo, ma al tempo stesso speravo che il romanzo avrebbe fatto luce sulla produzione letteraria del giovane Capote precedente la composizione del suo primo cult, Altre voci, altre stanze… [cut] pur non essendo un’opera rifinita, il romanzo riflette pienamente la nascita di una voce letteraria originale e di un autore di stupefacente abilità… ” (dalla Postfazione di  Alan U. Schwartz a Incontro d’estate, ottobre 2005).

—————————————————————- 

(Lucio Angelini al Westwood Memorial Park, Los Angeles)

————————————————————

21 giugno 2006

CAPOTE, “INCONTRO D’ESTATE” (SECONDA PARTE)

La quasi 18enne Grady Mc Neil, ex maschiaccio con i capelli corti e le ginocchia sbucciate, è un mistero per sua madre. Perché diavolo vorrà mai restare a New York in piena estate? Solo perché non ha mai passato un’estate in città? Eppure “niente risolleva il morale come una bella traversata estiva” (fino a Cannes). Sua sorella Apple (Mela), otto anni più di lei, è molto meno misteriosa ma anche molto meno carina di lei. Peter Bell è il migliore e forse l’unico amico di Grady: “Con lui Grady si rilassava come in un bagno caldo e sicuro”. Ma anche Peter la rimprovera: “Come puoi dire di no all’Europa, McNeil?”

“In una via secondaria di Broadway… c’era un parcheggio scoperto, in cui Grady aveva cominciato a lasciare la macchina ogni volta che scendeva in città. A un certo punto, in aprile, il parcheggio aveva assunto un ragazzo nuovo. Si chiamava Clyde Manzer” (p. 26). Il giovane parcheggiatore è sui ventitré anni, né bello né brutto, molto più abbronzato della media, capelli neri e ricci che gli stanno in testa “come un aderente berretto d’agnello persiano”. Con lui, a pag. 46, Grady farà all’amore, anche se “era sempre stata consapevole che lui non poteva essere cucito nella trama concreta del suo futuro. Anzi, forse era proprio per questo che aveva scelto di innamorarsi di lui: quella storia doveva essere il fuoco dell’anno prima, destinato a riflettersi sulla neve che presto sarebbe caduta”.

A pag 64 Grady dice a Peter che non le è nemmeno venuto in mente di domandarsi se sposerà Clyde, perché pensa che questo genere di cose riguardi la gente adulta: “Il matrimonio era una cosa che poteva verificarsi solo molto più avanti, quando sarebbe cominciata la vita grigia e seria, perché per lei, ne era assolutamente sicura, la vita vera non era ancora iniziata; in quel momento, invece, vedendosi triste e pallida nello specchio, si rese conto che era già cominciata da un pezzo”.

“Grady non era mai rimasta a New York in piena estate, e quindi non conosceva quelle sere in cui il caldo afoso apre il cranio alla città esponendone alla vista il cervello bianchiccio e il cuore di terminazioni nervose sfrigolanti come i fili metallici di una lampadina” (p. 73)

“Quando arrivò a casa telefonò ad Apple per dirle che dopotutto non sarebbe andata a East Hampton. Andò, invece, in macchina con Clyde fino a Red Bank, nel New Jersey, dove si sposarono verso le due del mattino.”

“Tutto andrebbe avanti lo stesso, queste onde, queste rose marittime che spargono sulla sabbia i loro petali seccati dal sole; se io morissi tutto ciò andrebbe avanti lo stesso: e la cosa le dava fastidio… Tutte le mattine, subito dopo colazione, Grady si preparava il pranzo al sacco e andava a nascondersi tra le dune, finché il sole non s’inginocchiava al livello del mare e la sabbia non diventava fredda.” (p. 102)

“… era stata dal dottor Angus Bell, un cugino di Peter che esercitava a Southampton. Dopo di che si era resa conto di avere intuito la verità molto prima che la cosa fosse effettivamente possibile – visto che era incinta di sei settimane.” (p.103)

Nella scena finale Peter Bell e Clyde Manzer sono seduti insieme nel sedile posteriore della macchina di Grady. La faccia di Peter è coperta di sangue. Clyde gliele ha suonate di santa ragione. Al volante c’è l’amico Gump, che ha messo a disposizione di tutti il suo involto contenente una dozzina di mozziconi di sigaretta: “Sono solo mezze canne, ma ci terranno svegli”, aveva detto. Grady è “strafatta”.

“C’era della gioia nei colpi stordenti sferrati dai pugni di Clyde, e mentre l’auto sgommava lungo la Terza Avenue, schivava i pilastri della sopraelevata e ignorava il rosso dei semafori, lei [Grady] li fissò in silenzio come un uccello intontito dal continuo sbattere contro muri e finestre. Perché quando monta il panico la mente si aggroviglia come il cavo di srotolamento di un paracadute, e allora si continua a precipitare. L’auto svoltò a destra sulla Cinquantanovesima e sbandò sul Queensboro Bridge; sovrastando le rauche sirene del traffico fluviale, in un mattino che per lui non avrebbe fatto cambiare il cielo, Gump gridò: “Dannazione, così ci ammazzi!” senza riuscire a staccare le mani di Grady dal volante, e lei disse: “Lo so”. [Fine]

Annunci

From → Uncategorized

15 commenti
  1. diait permalink

    Non ho letto niente di Capote. Prenderò L’arpa d’erba per me e Incontro d’estate per mia nipote (quindicenne) perché credo proprio che le piacerà.

    A un certo punto quando l’utente capote, in quel thread, ha detto che intagliava bare ho pensato che fosse una delle personalità multiple di nedovannucci, ma poi ho capito che più probabilmente era una citazione, come camaleonte, a sangue freddo, golightly eccetera, per conoscitori.
    Ho visto però il film “Capote”, in cui tra l’altro compare la sua amica Lee Harper (nel film, “compra” i complimenti del capotreno a Truman). E lo stupendo film di Richard Brooks “A sangue freddo”, del ’67.
    Di questi due film mi sono rimaste soprattutto impresse due cose (tra tante altre):
    Film “Capote”:
    Parlando del suo rapporto con uno dei due assassini, dice: “Era come se fossimo cresciuti nella stessa casa: solo che io ero uscito dalla porta principale, e lui da quella sul retro”. (o qualcosa di simile)
    Film “A sangue freddo”:
    il malditesta martellante che accompagna il protagonista fino alla tragedia finale.

    L’infanzia di Capote, e la sua famiglia, sono state un bel guaio per lui. Ma in fondo gli è andata meno peggio che a tanti altri, suppongo.

    Ottimo.

  2. @diait. devo confessarti, però, che ‘Incontro d’estate’ mi deluse abbastanza, mentre ‘Altre voci, altre stanze’ e ‘L’arpa d’erba’ mi avevano folgorato proprio in piena adolescenza…

  3. Infatti ero sicuro che avresti riparlato de L’arpa d’erba, che è una tua passione dichiarata. Mi associo: un libro che ha fatto sognare anche me e che ancora mi fa pensare a un tempo che non tornerà più.

  4. Il mio teatrino, in fondo, è composto da una manciata di personaggi che ritornano sempre. E figurati se nel bestof non ci ficco pure wuming1 e la zia lipperini…

    In questo caso ho compattato ben quattro post diversi. Spero ti sia piaciuto quello sui pompini:-)

  5. Mi è piaciuto sì: anche quello (di it.cultura.libri) è un tempo che non tornerà.
    A proposito dell’intagliatore di bare: per fortuna non è quello che compra bare usate!

  6. ah ah ah. fortissima la foto.

  7. Way cool! Some very valid points! I appreciate you writing this
    write-up and the rest of the website is extremely good.

  8. Overall, if you need more storage capacity, then you should definitely get yourself a 6th Generation i – Pod Classic.

    four GHz which is why you want to invest in a jammer that can tamper this signal.
    Since it is an HD radio, it produces clear treble and bass
    tones, and has static radio reception.

  9. This will get rid of the built up odours and leave everything clean and
    smelling fresh. They can thrive in just about any environment and are less reliant on moisture than other roaches.
    One popular bathroom fixture today that many interior
    decorators and home owners use is a shower bath.

  10. It also allows you to capture & store videos while you are
    out for a tour or picnic with friends. There are many new applications
    available for you to download within the market.
    Some manufacturers call their product a Cover while others use the name Case.

  11. Here we show you the Top 10 Fuel Efficient Cars in 2010.

    A study in the British Medical Journal found a significant connection
    between a person”. However, installing a bathroom in a basement that hasn’t already been stubbed for a bathroom can be very difficult and costly.

  12. 3 maximum aperture, fixed lens mount, auto focus features, 2.
    ” and for the duration of the take, (s)he is an audience member sitting in the theatre or their couch at home. Waiting until the park is about to close is one way to get some privacy, as is visiting the park during Disneyland’s less busy times.

  13. My brother recommended I may like this website.
    He was entirely right. This post actually made my day. You can not believe just how a lot time I had spent for this info!

    Thank you!

  14. Thanks for sharing your thoughts. I really appreciate your efforts and I
    am waiting for your next write ups thanks once again.

Trackbacks & Pingbacks

  1. CERCO EDITORE IN LINEA CON LE MIE COLLANE (DI PERLE WEBBICHE) « BEST OF CAZZEGGI LETTERARI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: